mercoledì 3 aprile 2013

Incrocio al Lago: tra buche e unsociality

Questa è la storia di un incrocio in Tassina (via Cime di Lavaredo, via Marmolada) con due grossi problemi: quando piove diventa un lago, quando piove i cassonetti (normali + plastica + carta) diventano inaccessibili perché appoggiati sul fango. Una storia che dura da settimane e che ha il suo "lieto" epilogo il 3 aprile 2013.
Per dovere di chiarezza pubblichiamo questa cronistoria, così nessuno avrà nulla da ridire su come sono andati i fatti, regolarmente documentati: si chiama trasparenza.

16 aprile 2012
Riccardo scrive un'email all'URP del comune di Rovigo segnalando due problemi: una buca in via Ramelli (risolta subito) e il problema dei bidoni nel fango. Nel giro di un giorno l'URP ha risposto che avrebbe girato la segnalazione a "Servizio Gestione Operativa del Settore Opere Pubbliche e alla Divisione Ambiente di ASM".

26 febbraio 2013
Stufo di questa situazione che ormai si perpetrava da mesi, Riccardo decide di scattare una foto allo stato dell'incrocio e di postarla su Facebook, taggando nel messaggio sindaco di Rovigo dott. Bruno Piva, il quale da qualche mese è presente sul social network e con il quale già era avvenuto uno scambio di amicizia (su Facebook si chiama così e soprattutto l'amicizia è una relazione accordata tra le parti tramite una richiesta ed un consenso). Ecco il post »

Il dott. Piva - gentilmente - dopo pochissime ore scrive nei commenti che ringrazia Riccardo per la segnalazione: sembra un ottimo inizio.

8 marzo 2013
Riccardo pubblica nuove foto, questa volta alla luce del sole: sono 3 foto che ritraggono alla perfezione le condizioni del suolo dove sono i cassonetti e le condizioni dell'incrocio. Il disagio è inconfutabile. Ecco il secondo post »
Nello stesso post Federico tira le orecchie a Riccardo, convalidando il disagio ma esprimendo come i tempi "comunali" sono lunghi e che un'attesa era dovuta. E' vero anche - caro Federico - che mantenere una comunicazione con i cittadini non solo rafforza i rapporti ma, come sicuramente sai quando tu gestisci clienti - è un ottimo modo per prendere tempo e per rassicurare che la problematica è stata presa a cuore.
Qui però - del sindaco di Rovigo - non v'è traccia: ovviamente era stato taggato da Riccardo.

25 marzo 2013
Nello status del 26 febbraio, Riccardo notifica tramite un commento che la situazione non è cambiata e che - nonostante altri commenti nel medesimo post - non ci fossero stati più aggiornamenti nello stesso e che il problema non era stato risolto, anzi le piogge stavano peggiorando ulteriormente la situazione.
Quindi si apre un nuovo post al quale il sindaco risponde
"Gentile Riccardo il caso è stato segnalato agli uffici competenti.La ringrazio per il suo interessamento e la invito a utilizzare i canali istituzionali per questo tipo di comunicazioni dato che questo profilo facebook è un profilo personale."

25 marzo 2013
Dato che il sindaco di Rovigo ha segnalato a Riccardo Mares che Facebook è il suo profilo privato, Riccardo ha deciso di segnalare all'URP del Comune di Rovigo la situazione. Ad oggi ancora nessuna risposta.

3 aprile 2013
La profezia di Federico si è avverata o l'articolo di Caterina Zanirato ha definitivamente smosso le acque? La risposta non l'abbiamo, sicuri è che in serata la zona era segnalata con cartelli, sulle buche erano stati deposti dei sassi e probabilmente i lavori erano iniziati. Ecco il post con l'articolo de Il Resto del Carlino di Rovigo »

Conclusioni: i nuovi media sono un meraviglioso strumento di comunicazione ma la loro principale caratteristica - oltre al raggiungimento delle masse in modo economico e efficiente - è quello di creare regali 1-to-1. Se un politico decide di scendere su Facebook ed accettare le richieste di amicizia dei cittadini, in quello stesso momento dichiara la propria disponibilità ad una certa forma di dialogo.
Se un ufficio si chiama URP ha il dovere istituzionale di elargire risposte ragionevoli ai cittadini che lo contattano tramite una pubblica email: non parliamo di RISOLUZIONE ma di COMUNICAZIONE.

giovedì 29 settembre 2011

Rotonda tre martiri: purgatorio

Il lancio della grande rotonda in viale Tre Martiri non è stato indolore. Per settimane il traffico tra viale Tre Martiri e la tangenziale è stato pesante per settimane. Con le rotonde nei piccoli paesi è un po' così: bisogna farci l'abitudine.

Solo qualche mese di pace e traffico sereno, tra una buca e l'altra di un asfalto di discutibile qualità, e ricadiamo nel terrore. Ebbene si perché la società Veneto Strade ha deciso che quella rotonda non era bella con un po' di verde e basta. Aveva bisogno di una struttura "artistica".

Con un investimento di più di 110.000 Euro si è deciso di innalzare una sorta di mura scura e alta, con delineato uno skyline del capoluogo. Il peggio è che i lavori continuano a settimane e che è sacrificata una corsia per metà della rotonda. La conseguenza naturale è che nei momenti di punta (mattina e sera), la rotonda e il traffico si incuneano, per la gioia di cittadini e pendolari.

Grazie Veneto Strade.

mercoledì 13 luglio 2011

Zanzare tigre killer

La città è invasa dalla zanzara tigre, dal centro fino alla prima periferia: sentiamo se l'azienda sanitaria locale può dirci qualcosa in più. Lettera aperta:

Spett.le Azienda Sanitaria,
la città è letteralmente invasa dalle zanzare tigre: dal centro con Piazza Matteotti in primis fino alle zone semi-periferiche tipo Tassina, San Bortolo e San Pio. La situazione è decisamente insostenibile, nonostante l'uso di prodotto per giardino, per l'aria e prodotti da corpo.
Avete soluzioni da suggerire o pianificato qualche intervento straordinario? La situazione è davvero insostenibile e sono solo zanzare tigre.
Grazie
--- --- --- --- --- --- ---
RM
Speriamo in risposte concrete. La risposta è arrivata ad opera della Dott.ssa Lorenza Gallo dell'ufficio Igiene e Sanità Pubblica:

Si prende atto della situazione di disagio lamentata per la presenza di zanzare tigre su tutto il territorio comunale, ma l'attività di disinfestazione non rientra tra le funzioni dell'Azienda ULSS che è invece di competenza del Comune, come da decisioni regionali. Il Comune deve provvedere alla programmazione ed effettuazione di interventi larvicidi e
adulticidi.
Sarà nostra cura inoltrare al Comune quanto da Lei lamentato. Le suggeriamo comunque di provvedere direttamente Lei stesso ad informare il Comune della situazione riscontrata.

Ringraziamo e prendiamo atto dell'impegno, confidando in risposte del Comune: nel frattempo inoltriamo anche a loro la segnalazione di questa discussione. Ecco la risposta del Comune di Rovigo, per la quale ringraziamo l'ing. Michele Cavallaro (sul web questi titoli ing. dott. rag. geom. fortunatamente sono solo un retaggio del passato, in favore della "reputation" acquisita):
Quest’anno è stata effettuata una campagna di trattamenti antilarvali sulle caditoie stradali, mentre non sono ancora stati programmati interventi contro le zanzare adulte, anche perché i fondi disponibili a bilancio sono estremamente limitati.
Quindi amici di Rovigo, dobbiamo arrangiarci con mezzi privati, per quello che possono fare: adottiamo dei pipistrelli?

venerdì 10 giugno 2011

Nel segno del Sagittario

Il 3-4-5 aprile a Rimini si sono svolti i campionati del mondo di kickboxing "Best Fighter", sedicesima edizione. A corollario dell'evento erano previste anche gare di musical forms, ovvero arti marziali acrobatiche.
Ad un simile evento la città di Rovigo non poteva mancare e con il Sagittario Team, marchio oramai storico nel mondo delle arti marziali, è stata fatta incetta di premi.

Si parte con Nicola Guglielmo, atleta più giovane del campionato, che dall'alto dei suoi otto anni guadagna medaglia d'argento e convocazione agli europei con la nazionale giovanile.
Si passa poi a Bernardo Saccardin che con un'esibizione esemplare inaugura l'ingresso della disciplina del trick contest sbaragliando gli avversari e conquistando l'oro.

Infine due veterani delle gare internazionali: Andrea Sfriso e Massimiliano Castellacci. Il primo - babbo da pochi mesi - nonostante continui fastidi fisici ritorna sul podio con un perfetto kata conquistando l'argento a pochi decimi dal primo. Castellacci, dopo aver deciso di non partecipare ai mondiali, ritorna sul tatami italiano e impone a terra le sue spade ricordando nuovamente al mondo che dal 2005 lui è l'avversario da battere: oro, immancabilmente oro.

Grandi ragazzi, siete un orgoglio per Rovigo, non solo per i titoli di cui ci onorate ma per il costante lavoro che fate in palestra, dando ai ragazzi speranze sane e disciplina.

mercoledì 1 giugno 2011

Rovigo, le multe e il Sole 24 Ore

Cambia Rovigo diventa grande ed è citato direttamente dal Sole 24 Ore nell'articolo "Le città delle multe: Rovigo...", ahinoi senza alcun link: vizio giornalistico old media!

Nella pagina del Sole si parla di un monitoraggio da loro eseguito in cui è documentato come nel 2009 le multe nel capoluogo polesano siano impennate in modo incontrollato.

Nel 2009 gli accertamenti hanno sfiorato i 139 euro a cittadino, con un aumento del 51,4% rispetto al 2008 quando la colonna delle entrate aveva già segnato alla voce «multe» un +45,7% rispetto all'anno prima e aveva portato Rovigo all'8° posto nella classifica dei capoluoghi da verbale. Con la nuova botta, Rovigo balza in testa (le multe portano al bilancio più dell'Ici), complici anche la flessione del «volume d'affari» generato dai vigili nelle città tradizionalmente primatiste, a partire da Firenze.
Un primato che già nel 2007 era stato testimoniato da feroci lettere dei nostri lettori concittadini. Il tema purtroppo è sempre quello: chi controlla i controllori? E' giusto demolire i portafogli dei rei cittadini, piuttosto che istanziare attività di prevenzione del reato, piuttosto che di repressione?

sabato 14 maggio 2011

La WIFI a Rovigo

A Rovigo è arrivata la WI-FI. La copertura prevede meno di una decine di zone presso il centro storico e due zone presso la stazione dei treni e i Giardini Marconi, storica sede dell'università rodigina.

Le modalità di accesso sono due: una anonima per navigare nelle pagine istituzionali e di servizio messe a disposizione dal Comune di Rovigo. Una con accesso tramite utente e password che consente due sessioni di navigazione di 30 minuti, per 15 giorni successivi alla loro richiesta.

Le credenziali di accesso alla versione full si ottengo inviando un sms a 338-6026697 inserendo il testo ROWIFI. Verrà consegnata la password e il nome utente sarà il numero di cellulare.

Per maggiori info questa la pagina del comune »

lunedì 9 maggio 2011

Brucia il McDonald's

Non ha fatto tempo ad essere lanciata la nuova area del McDonald's di Rovigo che un violento incendio ha bruciato tutto. Un ringraziamento particolare ai ragazzi di PlusUfficio per la video testimonianza. Ancora ignote le cause di un simile episodio che ha coinvolto l'intera città.